• Caro Lucio ti scrivo

Caro Lucio ti scrivo è un progetto con due anime per due luoghi diversi.   Il teatro e il cinema. Dallo spettacolo teatrale verrà infatti tratta una docu-fiction che arriverà al cinema.   L’intento dello spettacolo, quanto quello del film, è quello di cambiare la prospettiva, l’angolo d’inquadratura attorno alla narrazione di un mito come Lucio Dalla.   In un viaggio, costantemente in bilico tra fantasia e realtà, per una volta, saranno proprio loro, i protagonisti di alcune delle più belle canzoni di Lucio, a parlarci di lui.
E lo faranno attraverso la più intima e privata delle confessioni: la lettera…

FUTURA

Caro Lucio, sono io, Futura. Ti scrivo perché ho bisogno di un favore e solo tu puoi aiutarmi.

Caro Lucio, sono io, Futura.
Ti scrivo perché ho bisogno di un favore e solo tu puoi aiutarmi.
Intanto io partirei dall’inizio, dal mio nome. “… e se è una femmina si chiamerà Futura” si promettevano i due innamorati nella tua canzone.
Ti scrivo per dirti che è andata proprio così.
Sono una femmina e il mio nome è quello che tu avevi già scelto.
Quei due però, quelli della canzone, non ho fatto in tempo a vederli.
Mai.

COME E' PROFONDO IL MARE

Col tempo scoprimmo che aveva detto la verità.

Col tempo scoprimmo che aveva detto la verità.
Tanti amici o semplici conoscenti ci raccontarono di averlo visto spesso, fra via Sant’Isaia, via Barberia, Piazza San Francesco…
Stesso giro ogni notte.
Sempre solo.
Sempre assorto nei suoi pensieri, spingendo la bici.
“Non sembrava uno particolarmente triste” ci ha detto un suo amico che lo incontrava spesso.
“Particolarmente”.
Non sono mai riuscito a togliermi dalla testa questa parola.

LA CASA IN RIVA AL MARE

Ho alzato la testa, come se sapessi dove guardare e dall'altra parte del mare l'ho visto.

Ho alzato la testa, come se sapessi dove guardare e dall’altra parte del mare l’ho visto.
Era lui.
Dietro le sbarre di una cella due mani stringevano alle sbarre.
Dietro, nel buio, c’erano i suoi occhi; è così che cominciata.
L’inizio della nostra storia lo conosci.
Se ti scrivo è per raccontarti la fine.
Lo dice anche anche Hagakure nel Codice del Samurai: “La fine è importante.
In tutte le cose”.

MERI LUIS

Forse questa cosa non le interessa, ma ho bisogno di dirlo a qualcuno....

“Forse questa cosa non le interessa – disse infilando un cd nel lettore dell’auto – ma ho bisogno di dirlo a qualcuno….Ecco io sono questo…”.
Indicava col dito la fessura dello stereo dal quale uscivano le note di Meri Luis.
“Io sono il tassista, quello che un giorno piantò tutto e se ne andò a pescare…” e sorrise, guardando fuori dal finestrino, quasi sollevato.
“Piacere – dissi al tassista, slacciandomi solo un pochino la camicetta – Meri Luis”.
Pensai che, mostrandogli le tette avrei fatto prima.
Non sarà romantico ma la vita, grazie a Dio, non è sempre romantica…

ANNA E MARCO

Mi fa sorridere pensare che una mattina, magari mentre eri al gabinetto, scrivevi di noi due.

Mi fa sorridere pensare che una mattina, magari mentre eri al gabinetto, scrivevi di noi due.
Ma soprattutto di lui, del mio Marco.
Delle sue grosse scarpe, della sua poca carne, del suo ballare come un cavallo, del suo cuore in allarme.
Chi ti ha detto che voleva andarsene lontano?
Non so cosa mi faccia più sorridere, se quello che sto per raccontarti (la domanda che Marco mi fece quella notte) o il fatto che mentre tu scrivevi di noi, io e lui eravamo in un tinello di periferia a Bologna, appesi a quella domanda.

Ci saremmo stati anche senza di te?

L'ANNO CHE VERRA'

L'ho conosciuta qualche mese fa e mi ha cambiato la vita.

L’ho conosciuta qualche mese fa e mi ha cambiato la vita.
Lo so che tutti gli amori, in qualche modo, te la cambiano. Il fatto è che lei per me è la prima; non avevo mai avuto una donna in trentasette anni di vita.
Un po’ perché non l’avevo mai cercata, un altro po’ perché un sacerdote, al contrario di quanto avevi promesso, non può ancora sposarsi. Forse non rientro nella tua categoria, ricordi? Quei preti che “potranno sposarsi ma soltanto a una certa età”.
Capisci cosa intendo Lucio? Per la gente io sono uno che si è messo in un guaio, ed ecco perché ti scrivo. Tu sai che solo uno nei guai è vicino, vicinissimo alla vita.

Con il sostegno della Regione Emilia-Romagna
Film Commission

Con il contributo di
Unipol BANCA
COOP Reno

Con il Patrocinio di
Comune di Bologna
Fondazione Lucio Dalla